Storia

La Barcaccia – I giovani del Carlo Felice è nata nell’ottobre del 1999 da un’idea di due giovani studenti genovesi, Andrea Ottonello e Luca Valenziano, idea subito abbracciata e messa in atto da un ristretto gruppo di loro conoscenti e amici, ed è stata riconosciuta dal Teatro Carlo Felice in occasione della prima rappresentazione di Attila, l’11 gennaio 2000.Come esposto nello Statuto, l’obiettivo dell’Associazione è quello di promuovere l’interesse e la conoscenza per la musica classica tra i giovani, principalmente liceali e universitari genovesi, indipendentemente dalla loro preparazione di base, obiettivo portato avanti su un duplice fronte: quello che contempla la fruizione diretta della musica, grazie agli spettacoli che il Teatro e la GOG propongono nell’ambito della Stagione Artistica, e quello teorico-didattico, costituito da appuntamenti quali incontri, dibattiti e informali chiacchierate musicali, che nascono principalmente dalle proposte e dalle richieste dei singoli Soci: a seconda dei casi si tratterà quindi di dibattiti preparatori ad un preciso spettacolo teatrale, di un incontro su un argomento proposto da un gruppo di Soci, ma anche, in occasione di manifestazioni particolarmente meritevoli, di uno o più appuntamenti esterni, che l’Associazione ritiene di voler appoggiare e promuovere tra i suoi Soci.

L’iniziativa, nata quindi da giovani per altri giovani, è stata da subito sottoposta all’attenzione della Sovrintendenza del Teatro, che l’ha entusiasticamente accolta e agevolata, consentendo, tra l’altro, ai giovani della Barcaccia prezzi preferenziali per l’acquisto dei biglietti.

La gestione della Barcaccia è affidata ad un Consiglio Direttivo di cui fanno parte il Presidente, eletto ogni anno dall’Assemblea dei Soci, il Vicepresidente e 4 Consiglieri.

L’Associazione ha chiuso le proprie attività sociali a luglio del 2005 con più di 400 iscritti, un evento straordinario per una realtà unica nel suo genere (esistono presso altri enti lirici associazioni di amici della musica, ma i giovani sono sempre una sezione di sodalizi gestiti da adulti) e per una città come Genova, che lascia ben sperare per il futuro.

Nel settembre 2008 il gruppo dei fondatori ha lasciato la guida dell’Associazione per avviare il passaggio di consegne con la nuova generazione di Soci del futuro: l’eredità è stata raccolta da Francesco Gallarati, attuale Presidente della Barcaccia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *